Io “resto a casa”: come fare un programma per studiare a casa efficace

studiare a casa

Io “resto a casa”: come fare un programma per studiare a casa efficace

Attualmente in Italia siamo tutti “messi in isolamento a casa” per ridurre il rischio di diffusione del contagio dal Coronavirus, piaga che sta attualmente creando disagi e problemi in tutto il mondo. Questo isolamento ha comportato, come si sa, la chiusura delle scuole con la conseguenza che i ragazzi hanno dovuto interrompere il normale svolgimento delle lezioni.

Sono poche le scuole che si sono organizzate con piattaforme online, anzi quasi nessuna e agli studenti è stato solo indicato in questo periodo il numero delle pagine dei libri da studiare in autonomia. Organizzare gli studi e apprendere autonomamente a casa le cose non è però cosa facile se non si sa come farlo. In tanti, quindi, si ritroveranno al termine di questo periodo senza magari aver concluso nulla.

A differenza di quanto molti possano pensare, invece, studiare a casa propria, circondati da un ambiente familiare, senza disturbo alcuno e in totale solitudine è facile. Basta chiaramente sapere come farlo. Gli studenti delle scuole online lo fanno costantemente e riescono tra l’altro in alcuni casi a fare anche due anni di didattica in uno soltanto. Miracolo? Capacità sovrumane? No: è sufficiente studiare in modo efficace. Questo consente di ridurre le ore di studio, aumentandone però l’efficacia e la qualità.

Come fanno gli studenti delle scuole online a studiare meglio?

I metodi applicati dagli studenti delle scuole online per studiare a casa possono essere applicati da tutti. Si tratta infatti solo di sapersi organizzare. È indispensabile in particolare:

  • fare un piano settimanale che si deve cercare di rispettare,
  • decidere le diverse materie che si devono affrontare con i relativi argomenti,
  • definire l’orario dello studio, comprensivo di pause (necessarie)

è altresì necessario anche:

  • prevedere del tempo per lo svago,
  • dormire bene.

Queste due voci, potrebbero sembrare secondarie, lo sono, ma non vanno assolutamente sottovalutate o saltate. È importante aver voglia di studiare e non si può averla se la vita diventa solo studio. Quindi dormite bene, riposatevi e pensate anche al vostro divertimento e svago quotidiano.

Studiare a casa: come ci si organizza?

Gli studenti della scuola online hanno a disposizione una piattaforma di e-learning alla quale accedere trovando tutto il materiale a disposizione già “preconfezionato”. Questo sarebbe comodo ovviamente per tutti: le piattaforme delle scuole online, infatti, sono organizzate al meglio per tagliare i tempi e consentire agli studenti di perdere meno tempo possibile per rendere le ore di studio efficaci al massimo. Lo stesso non l’avranno a disposizione gli studenti delle scuole tradizionali. Questi dovranno organizzarsi da sé: il giusto modo è sfogliare il capitolo che va studiato, in maniera da avere una visione d’insieme, va poi affrontata la teoria e poi le esercitazioni.

Lo studio della teoria non va affatto sottovalutato perché consente di destreggiarsi poi abilmente nelle esercitazioni. Il ripasso della teoria va fatto sia seguendo l’ordine di studio, sia saltando pezzi o retrocedendo in modo da avere la certezza di destreggiarsi nell’argomento e di non aver imparato solo una sequenza di informazioni.

Se il metodo applicato è corretto saranno in tanti a chiedersi perché non hanno scelto di fare una scuola online anziché una tradizionale: il tempo che si impiega per fare uno stesso argomento infatti è inferiore e la preparazione anche migliore.

Dopotutto nella scuola tradizionale si perde oggettivamente molto tempo: fra recarsi all’istituto, l’attesa fra un cambio dell’ora e l’altro, il procurarsi il materiale, l’attendere dei ritmi dei propri compagni. Nello studio a casa, invece, è possibile risparmiare tantissimo tempo ottimizzando al massimo le ore di studio: meno tempo, insomma, ma più di qualità.